Home Come comprare/vendere una barca Prova Barca: Sun Odyssey 409

Prova Barca: Sun Odyssey 409

da Aurélie Renier

Ideato in sostituzione del Sun Odyssey 39i, il Sun Odyssey 409 della gamma Sun Odyssey, varato nel 2011, è un cruiser sportivo, pensato per una manovrabilità a equipaggio ridotto. Realizzato in oltre 300 esemplari e consacrato European Yacht of The Year 2011, le sue dimensioni e i comandi raccolti vicino al timoniere mi hanno fatto scegliere questo monoscafo per una nuova crociera di 21 giorni nelle piccole Antille, in estate, stagione meteorologicamente movimentata e disseminata di depressioni tropicali…

Delle linee tese

Fiancate pronunciate, oblò a filo coperta, design pulito, Philippe Briand ha disegnato una carena moderna e fluida per Jeanneau. Con i suoi 11,98 m di lunghezza per 3,99 m di baglio massimo, la barca emana una sensazione di potenza, quando la osservi dal molo. I due timoni a ruota delineano un vasto spazio nel pozzetto, anche grazie all’autogonfiabile a scomparsa in un gavone dedicato (dove si ritira anche la porta di accesso al quadrato). Il quadro posteriore si apre su circa ⅓, conservando due buone sedute da una parte e dall’altra. Una doccia sul ponte con acqua calda e fredda è presente a tribordo.

Una struttura solida

La carena, rinforzata con un reticolo interno in fibra di vetro realizzato a mano, è rifinita con un primer epossidico e un Gelcoat. Il ponte è realizzato con un processo a iniezione con un’anima in balsa discontinua. Le parti del ponte sottoposte a maggiori sforzi ne sono sprovviste. La chiglia è in acciaio fuso. La barca esiste in due versioni GTE (pescaggio di 2,10 m) e PTE (pescaggio di 1,55 m). Albero e boma sono in alluminio, opzionalmente è disponibile una versione di albero con avvolgifiocco.

Una pianta del ponte innovativa

MACCHINA FOTOGRAFICA DIGITALE OLYMPUS

Pensato per essere condotto da due persone, il Sun Odyssey 409 ha due winch alla postazione del timone (che opzionalmente possono essere elettrici) e due winch più piccoli sul roof. Per facilitare le manovre, Jeanneau ha arretrato i comandi delle due vele, ribaltandone il percorso fino all’albero, al viaggiatore meccanico della randa o al punto di scotta del genoa. I bozzelli posizionati a monte dei winch posteriori consentono di manovrare le due vele rimanendo al timone. Infatti, la scotta della randa è sdoppiata in un circuito in serie alla tedesca, con una parte da ciascun lato del pozzetto, consentendo di manovrarla sia dal winch posteriore a babordo che da quello di tribordo, così come quella del genoa. Grazie agli spessori ben disposti, è possibile timonare in diverse posizioni, anche in piedi. Passavanti ampi conducono alla parte anteriore protetti da candelieri e battagliole a cavo che non reggeranno un peso massimo in procinto di finire fuoribordo… Un grande musone di prua e un winch elettrico completano il quadro.

Interni luminosi e altezza sotto baglio

Gli interni sono in legno chiaro, con piani di lavoro in Corian in cucina. L’ambiente è luminoso grazie agli oblò a filo coperta e la visibilità verso l’esterno è buona. Dà quasi l’impressione di trovarsi in un Deck Saloon! La versione da noi provata presenta 3 cabine e due bagni, di dimensioni normali. Nei bagni troviamo una tenda da doccia pieghevole che non mi sembra troppo robusta. I letti presentano materassi in schiuma senza molle, non si possono fare miracoli! Tutta l’illuminazione è a LED, un punto a favore del bilancio elettrico. L’altezza sotto baglio varia da 1,85 m (cabine posteriori) a 1,95 m (quadrato, cabina prodiera) e posso cucinare comodamente in piedi nonostante sia alto 1 m e 92!

Sistemi

Manovra

Armata di uno sloop in testa, la barca dispone di una randa semisteccata e di un genoa su avvolgifiocco al 140%. Come optional, è possibile avere una randa su avvolgifiocco, un fiocco autovirante, un fiocco a recupero più lento rispetto al nostro e un codice zero.

Impianto elettrico

La barca collaudata dispone di due pack batterie (2 x 110 Ah servizi e 1 x 110 Ah motore e propulsore. La ricarica avviene tramite un caricatore in banchina e un alternatore da 80 Ah.

Due pannelli fotovoltaici possono essere installati sul ponte anteriore. Non sono un lusso per le regioni soleggiate perché altrimenti la barca, se non si ama navigare col diesel (Yanmar da 40 cavalli), dovrà passare una notte attraccata ogni 2 o 3… Perché non prevedere un impianto che offra una maggiore autonomia?

Sanitari

530 Uno scaldabagno funzionante a 220 V e tramite il raffreddamento motore consente di vivere comodamente a bordo. Un serbatoio per acque nere completa il quadro.

Elettronica

La barca è attrezzata con un’elettronica Simrad, che comprende tracciatore di rotta orientabile, speedo, anemometro, pilota automatico (che offre una modalità di governo Vento). Disponiamo della strumentazione e del pilota automatico a ciascuna postazione del timone, è pratico. L’impianto è completato da un dock e da un impianto audio che consente di collegare qualsiasi lettore digitale o smartphone all’altoparlante. Va notato che la barca può essere dotata di un’elica di prua e del nuovo sistema “Docking 360°” che facilita le manovre in porto.

In navigazione

A vela con tempo favorevole

Con questa bella giornata (12/15 nodi di vento, piccole increspature), il 409 si trova perfettamente a suo agio. La carena potente si fa strada tra le increspature. Quando si naviga nei canali tra le isole, si incontrano spesso increspature di 1,5 m che le 9 tonnellate della nostra bambina aprono facilmente. Ho tutti i comandi sotto mano. Alla strambata o alla virata, lascio innanzitutto la randa al bozzello, viro o strambo, riprendo al winch sopravento la scotta lasca del genoa, la libero e sostituisco questa scotta con quella della randa per rincalzarla a piacimento. Per rendere le cose ancora più semplici, è disponibile come optional un fiocco autovirante. Una volta che ci si prende la mano, è tutto molto pratico. Si può virare da soli, come su un’imbarcazione di piccole dimensioni, è piacevole. Il sistema a doppio timone è morbido e offre un ritorno corretto.

A vela con il fresco

Lasciando la Dominica in direzione Nord stamattina c’è vento, più di 15/18 nodi fissi. Esco con un terzarolo, con l’idea di testare la riduzione al secondo per strada. Superiamo la punta nord dell’isola per prenderci uno schiaffo! Con mia moglie al timone, riduco al secondo terzarolo (presa dei terzaroli in automatico), facile, nessun problema. Ma cosa succederebbe se si formasse un nodo nella borosa sotto la carenatura che rende il roof così “a filo”? La riduzione del genoa non pone alcun problema: posso, dal timone, manovrare la borosa dell’avvolgifiocco e la scotta del genoa. Un po’ più tardi il vento aumenta ancora a 20/22 nodi fissi. Mia moglie, incinta, oggi non si sente bene e preferirei poter prendere una rotta diretta sottovento per limitare la durata di questo passaggio verso le isole Saintes. Purtroppo è impossibile senza un 3° terzarolo. La pupa di 9 tonnellate è al limite, il timone è duro e sbandiamo troppo se insisto. In mancanza di meglio, avvio il motore e faccio filare la barca per concludere il mio tragitto del giorno.

Conclusione

Dal design piacevole, dotato di allestimenti intelligenti sia all’esterno che all’interno e finiture di livello superiore alla media, il Sun Odyssey 409 è accattivante. Jeanneau ha profuso notevoli sforzi per rendere questa imbarcazione facile da manovrare in coppia. È assolutamente lodevole e perfetto con il tempo favorevole. In compenso, perché non proporre in opzione un 3° terzarolo per tutti coloro che desiderano evitare l’avvolgifiocco e mantenere una randa steccata avendo al tempo stesso la possibilità di ridurre la velatura?

Scopri tutti i nostri Sun Odyssey 409 tra gli annunci di barche usate, e diventa proprietario di questo modello Jeanneau.

L’articolo di collaudo dell’imbarcazione è stato redatto da François Meyer.

Dimensioni principali

● Lunghezza fuori tutto: 12,34 m
● Lunghezza della carena: 11,98 m
● Lunghezza al galleggiamento: 11 m
● Baglio (larghezza): 3,99 m
● Pescaggio: 2,1 m
● Altezza libera: 18,42 m
● Dislocamento (massa a vuoto): 7860 kg
● Massa di zavorra: 2260 kg
● Tipo di zavorra: ghisa

Articles liés