Home Impara a NavigareConsigli di navigazione Come utilizzare un winch?

Come utilizzare un winch?

da Aurélie Renier

Partendo da una certa superficie, sistemare una vela richiede una buona forza fisica ed esistono soluzioni per rendere queste manovre accessibili a tutti, anche alle persone con mobilità ridotta.

I winch hanno reso accessibili a un solo uomo manovre che richiedevano un intero equipaggio. Nonostante ciò, saldare una corda, richiede a volte uno sforzo fisico! Per questo motivo, i principali rigger hanno sviluppato soluzioni elettriche che si rivelano essere un aiuto alla manovra. Possono essere motori integrati,ma i principali produttori propongono kit di conversione per la maggior parte dei loro modelli.

Qualora i tuoi winch non fossero compatibili, avresti comunque la soluzione dellamanovella elettricache presenta il vantaggio di poter essere utilizzata ovunque, qualunque sia l’imbarcazione o il winch.

Perché, per chi?

Il primo utilizzo che possiamo immaginare per questo tipo di sistema è aiutare a sistemare le scotte di genoa che sono quelle su cui si forza maggiormente. Alla luce dell’esperienza, in famiglia o in equipaggio ridotto, l’utilizzo più pratico e comodo della motorizzazione è quello del winch di drizza. Un’installazione di questo tipo permette di issare senza sforzo una vela pesante, come le rande steccate, o anche di far salire senza sforzo un membro dell’equipaggio per intervenire in testa d’albero.

Infatti, l’assistenza elettrica non è utile solo quando bisogna forzarla, ma è particolarmente piacevole durante le noiose “moliture”. A chi è a favore della navigazione “virile”, che fa spallucce di fronte a tanta facilità, ricordiamo che anche le grosse braccia invecchiano e che la motorizzazione permette a un più grande pubblico di praticare la vela, comprese le persone a mobilità ridotta.

Come funziona?

Ogni produttore ha il proprio sistema. In Harken, tutti i modelli di winch, dal 35 all’80 possono esserne dotati. Il motore si monta sottocoperta, in posizione verticale o orizzontale a seconda dello spazio disponibile. Il fissaggio è relativamente semplice poiché riprende quello del winch. Sarà necessario un unico foro del supporto per consentire il passaggio dell’albero motore.

Il consumo elettrico è intermittente e relativamente basso (da 700 a 2000 watt), quindi non è indispensabile installare un banco batterie dedicato, basta che quello dell’imbarcazione sia sufficiente. Il circuito comprende un interruttore, un relè che funge anche da limitatore di carico e un’unità di comando. Quest’ultimo è fisso, cablato e con soli 2 pulsanti che corrispondono ai sensi di rotazione del motore che sfrutta così le 2 velocità meccaniche del winch.

Attenzione, è un bestione!

È questa demoltiplicazione che spiega la potenza sviluppata e il basso consumo elettrico. Una potenza che bisognerà saper dosare, altrimenti si viene travolti! Immagina che al momento di issare la randa, una stecca resti impigliata in un lazy-jack… Se il membro dell’equipaggio, al riparo dal cofano, o con il naso sul comando, non se ne rende conto, il peggio è da temere! Allo stesso modo, per le scotte, è meglio far prova di un po’ di astuzia: non si tratta di far passare tutto il genoa nella puleggia a ogni inversione di rotta! Una destrezza tanto più necessaria in quanto pochissimi sistemi permettono di shockare se non a mano. La motorizzazione è un aiuto, ma siamo ancora lontani da una navigazione a pulsante, dove le vele possono essere regolate con la semplice pressione di un pulsante!

Mai senza la mia manovella!

Il principale limite della motorizzazione è che è fissa. Se si desidera generalizzarla, è necessaria un’installazione per ogni winch. La manovella Ewinchernon conosce questo limite: essa può essere utilizzata su qualsiasi winch, qualunque sia la dimensione, e può passare da un’imbarcazione all’altra. Viene fornita in una morbida custodia che contiene la batteria (o le batterie), il caricabatterie, il convertitore a 12V e tutti gli accessori, compreso un secchio e una cinghia di sicurezza.

Può essere utilizzata manualmente, elettricamente o tramite una combinazione di entrambi. Anche in questo caso, i pulsanti invertono il senso di rotazione per sfruttare i rapporti di trasmissione del winch. Qui la pressione del dito è progressiva, il che evita di mandare in orbita un membro dell’equipaggio non abbastanza stabile sulle sue gambe. In ogni caso, a differenza di un sistema fisso, la mano dell’operatore sente immediatamente qualsiasi blocco. Oltre a queste caratteristiche di sicurezza, un’applicazione mobile permette di regolare la coppia massima e di misurare anche la tensione dei cordami.

Lo si nota, i due sistemi hanno ciascuno il proprio vantaggio e la tariffa base è abbastanza comparabile (circa 2.600 euro tasse incluse). È probabile che in futuro questi ausili si sviluppino, rendendo la vita più facile ai diportisti, proprio come i verricelli elettrici, i propulsori di prua, i motori dei tender… Tutti questi dispositivi di cui potremmo benissimo fare a meno, ma che facilitano comunque molto la vita!

L’articolo è stato redatto da Olivier Chauvin.

Articles liés