Home Come comprare/vendere una barca Prova Barca: Lagoon 440

Prova Barca: Lagoon 440

da Aurélie Renier

Costruito in oltre 400 esemplari tra il 2004 e il 2009 da CNB, filiale di Beneteau , il Lagoon 440 è un catamarano spazioso e ben attrezzato. Le sue caratteristiche l’hanno resa una flottiglia da noleggio abituale dove la versione a 4 cabine ha avuto un grande successo.

The Big Guy

Con le sue dimensioni di 13,70 m di lunghezza e 7,70 m di larghezza, dai pontili di Port des Palmiers, a Hyères, una cosa è certa, a questo Lagoon 440 sono necessari due posti barca sostare in porto. Con 4 cabine doppie, 4 bagni, 2 punti di prua, 2 saloni, un flybridge e un mezzo-salone di prua, il Lagoon 440 è tra i catamarani più spaziosi dei suoi tempi.

Dal retro, i due galleggianti permettono l’accesso a bordo e consentono l’uso di piccoli argani per sollevare un tender, anche piuttosto grosso (qui 3,20 m con un HB di 15 CV). Un grande tender per una barca che può trasportare da 8 a 12 persone è un must. I collegamenti elettrici sono installati anche sul lato posteriore a babordo.

Una volta a bordo, si arriva sul salone di poppa, installato a dritta, che può ospitare 12 passeggeri. Un lavandino e un carrello sul lato sinistro facilitano il servizio al tavolo. La cabina di pilotaggio non è “ingombra” con nessun accessorio per la vela. La cabina di pilotaggio principale si trova sul flybridge.

Le passerelle sono estremamente confortevoli, c’è molto spazio all’esterno, quasi 90 m2. Andando avanti, si arriva ai piedi dell’albero (posto sul tetto). Se andiamo oltre, siamo di fronte a un salone molto piacevole sul ponte anteriore, perfetto per gli aperitivi al sole. I grandi bauli ospitano serbatoi d’acqua e il dispositivo di comando del vicino verricello. L’armadietto di ancoraggio contiene 45 m di catena da 12 mm, di tutto rispetto.

Proprio nella parte anteriore, i balconi offrono due posti, su entrambi i lati dei trampolini.

Parecchia tela

L’albero ha due piani di barre e frecce che consentono di rinunciare ai paterazzi. Lo strallo viene effettuato su un raccordo saldamente fissato alla trave incrociata che collega i galleggianti.

Il boma, piuttosto elevato, riceve una randa steccata con 3 striscie (non si tratta di un lusso, occorre essere in grado di ridurre molto su un multiscafo che non si sbanda). Nella parte anteriore, il nostro esemplare dispone di un genovese con elevata sovrapposizione. Il tutto rappresenta non meno di 116 m2 di superficie velica sopravento . A titolo di confronto, un monoscafo “performance” lungo 44 piedi occupa meno di 100 m2.

Un flybridge molto ben progettato

Tutte le manovre di rigging sono rimandate sul tetto all’abitacolo del flybridge. Una volta in cima, è chiaro che si ha una vista magnifica dei dintorni della barca. La posizione del timone è comoda e spaziosa. C’è posto comodamente per quattro. Controlli del motore, indicatori diesel, ripetitore, c’è tutto. Per la manovra, 4 argani, di cui uno grande da 60 destinato principalmente alla randa, alla parte di poppa posteriore e, alla parte anteriore del flybridge, uno a babordo e due a tribordo. La randa è gestita dall’argano di poppa, le drizze da un piano di tribordo e le strisce da un secondo piano, anch’esse installate a tribordo. Tutte le manovre sono facilmente accessibili dal timoniere.

Tornato giù, visito il grande spazio interno dove a sinistra si trova un tavolo da mappe ben attrezzato. Sul modello testato, è previsto inoltre un controllo del gas, che autorizza, con l’aiuto del comando pilota qui installato, il controllo della barca dall’interno. Un grande localizzatore Raymarine, una radio ASN, un AIS, un ripartitore e un impianto stereo completano il quadro.

Un’ampia cucina

Sul retro, rivolta all’indietro, la grande cucina accoglie fornelli a 3 fuochi, un enorme frigorifero, un vero congelatore e un ampio piano di lavoro. Molto ben studiato. In ogni scafo, due cabine con i loro bagni. Le cabine di poppa sono più spaziose delle cabine anteriori. Tutte offrono un ampio spazio per riporre e una vista sul mare grazie agli oblò presenti sullo scafo.

Si parte

È un weekend di maestrale, ma abbiamo deciso di non allontanarci troppo. Così ci dirigiamo verso Bormes-les-Mimosas. I due mulini si avviano immediatamente alla prima sollecitazione e, una volta inondati, ruoto facilmente l’imbarcazione mettendo i motori in opposizione.

Un primo lungo sottovento in direzione di Porquerolles rappresenta l’opportunità di provare questa barca da solo. Solo sul flybridge, sì, perché al piano inferiore e nonostante i 20 nodi stabiliti, tutti parlano e si preparano un aperitivo…. Esco con un ris e, esperto del mondo dei monoscafi, ho sempre la mano non lontana dalla randa, e mi chiedo se dovrei, o meno, prenderla un secondo… Ma sì, la prendo, Inizio ad avviare i mulini, poi avvicino il congegno al vento, scuoto il lenzuolo e poi la drizza mentre riprendo la gobba del ris per finire allungando la drizza. Fantastico, si fa tutto facilmente, in tre minuti senza lasciare, o quasi, la mia postazione…

Il giorno successivo, il ritorno è francamente più sportivo dalla baia di Port-Man. 25 nodi stabiliti, con punte a 30, usciamo con due ris e il genovese arrotolato per un lungo tratto vicino in direzione di Hyères.

il Lagoon 440 , colpisce le onde, gli spruzzi risalgono fino al flybridge e ho ancora questa paura ancorata alle viscere di ribaltamento o disalberamento di questi grandi catamarani… Le raffiche di vento sono frequenti, prendiamo un terzo ris, automatico, anche lui su questa barca, sempre dalla cabina di pilotaggio. Questo è rassicurante e senza correre alcun rischio.

Sento immediatamente la barca meno nervosa anche se le funi fischiano nelle folate di vento. Sono contento di dover percorrere solo una breve distanza con questo regime…

Epilogo

Al porto, facendo il giro la barca per assicurarmi di non aver dimenticato nulla a bordo di questo Lagoon 440 “un dettaglio mi rende perplesso: la paratia della cabina di prua presenta un’importante apertura mascherata dalla giuntura flessibile oltre allo sfondamento di un angolo verso il ponte e una traccia di riparazione… Una paratia difettosa in questa zona può portare allo disalberamento. Senza dubbio, questa barca ha sofferto molto, la paratia si è rotta ed è stata riparata in modo estetico… Osservando la faccia del suo proprietario quando gliela faccio vedere, ne deduco che non ne sapeva nulla. Siamo pari, io per i sudori freddi retroattivi e lui per un conto salato a venire, non è che la riparazione sia così difficile, ma per accedere a questa paratia, è necessario estirpare tutti i pannelli della cabina, soffitto incluso (questi elementi sono incollati), sostituire la paratia in questione e, successivamente, sostituire gli elementi decorativi…!

Specifiche generali

Lunghezza totale: 13,60 m
Larghezza: 7,70 m
Peso: 12,2 T
Architetto: VPLP
Albero: 21,00 m
Vela principale: 74,00 m²
Genovese: 42,00 m²
Gennaker: 90,00 m²
Spinnaker: 145,00 m ²
Motorizzazione: 2 x 55 CV Yanmar
Acqua: 3x300L
Diesel: 2×325 L

Scopri tutti i Lagoon 440 tra i nostri annunci di catamarani di seconda mano e diventa il proprietario di questo modello Lagoon.

L’articolo di collaudo dell’imbarcazione è stato redatto da François Meyer.

Articles liés