Home Come comprare/vendere una barca Prova Barca: Lagoon 380

Prova Barca: Lagoon 380

da Aurélie Renier
lagoon 380

Il Lagoon 380 costituisce probabilmente il tipo di catamarano più venduto attualmente, con oltre 800 esemplari venduti in un periodo di circa 20 anni. Qual è il segreto di questo successo planetario? Saliamo a bordo e proviamo a scoprirlo…

Il Lagoon 380 per quanto sia il più piccolo della famiglia dei Lagoon, ha un’abitabilità interna pari a quella di un monoscafo da 60’: Una cabina armatore che occupa tutto uno scafo e due cabine per gli ospiti…

Il design della carena è immaginato da VPLP: studio di architettura navale che ha progettato e dominato la classe dei multiscafi Open 60 in Europa.

I più grandi scafi del mercato all’epoca del lancio

Al momento del lancio, gli scafi erano noti come i più grandi presenti sul mercato, offrendo spazio interno e una maggiore galleggiabilità. L’altezza del ponte sarebbe sempre una delle più alte del mercato attuale, limitando i rumori dell’acqua tra i galleggianti. Tuttavia, tale altezza presenta l’inconveniente di generare una derivazione molto importante. Non si può avere tutto!

Il Lagoon 380 è disponibile con due livelli di finitura: Club o Premium, il primo dedicato maggiormente al charter disponendo di 4 cabine.

Il Lagoon 380 simboleggia perfettamente lo spirito multiscafo con un ampio spazio vitale al suolo, sia coperto che esterno, separato solo da una porta scorrevole.

La cucina ha due lavelli in acciaio inossidabile, un fornello a gas con tre bruciatori, un forno, un frigorifero con apertura frontale più ampio rispetto al normale e un ragionevole volume dedicato allo stoccaggio.

Un raffreddatore per bevande è installato appena fuori dalla cucina, sotto un sedile, ma sarei già tentato di sostituirlo con un frigo/congelatore portatile più utile per i lunghi viaggi.

All’interno, a babordo, il tavolo da carteggio dispone di spazio sufficiente per montarvi tutta l’elettronica di cui si ha bisogno. Il tavolo stesso consente di aprire una carta e dispone di uno sgabello.

Il riquadro è arieggiato grazie ai suoi oblò verticali che offrono una vista a 360° sull’area circostante.

Una vera cabina armatore

Scendendo verso le cabine, direzione la cabina dell’armatore. Con un letto queen size, lo spazio riservato al proprietario può essere separato dal resto della barca tramite una porta scorrevole. Il bagno privato dispone di unn’enorme doccia walk-in, di una toilette marina e di un comò. La nostra imbarcazione di prova era dotata di un serbatoio di scarico in più mentre la barca standard è fornita di un solo serbatoio nello scafo di babordo.

Nello scafo a babordo di questo Lagoon 380, una cabina anteriore e una posteriore, entrambe con grandi volumi di stoccaggio. La cabina posteriore possiede un letto quuen size mentre la cabina anteriore di un matrimoniale. Tra i due, è installato un grande bagno con una toilette marina e una doccia. Come per la cabina dell’armatore, l’altezza sotto ai bagli è generosa a circa 1,95 m. Tutte le cabine hanno oblò e botole apribili per deviare la brezza marina e quindi ventilare la barca.

Le grandi finestre rettangolari negli scafi offrono una bella vista mare, preservando la privacy grazie all’effetto riflettente.

Harken, cos’altro?!

Di ritorno sul ponte, non ci sono brutte sorprese in vista grazie alla coperta Harken, inclusi gli Winch self-tailing sulla parte superiore del tetto. Il controllo della randa è rispedito alla cabina di pilotaggio.

Dallo stoccaggio all’abbondanza

Ovunque c’è posto per stoccare in abbondanza. Nelle estremità, gli spazi di stoccaggio sono separate gli uni dagli altri, fungendo così da paratia stagna. Sono talmente profondi che vi si può disporre facilmente un tender sgonfio o un motore.

Ma questa barca è dotata di prue posteriori che evitano complicazioni! Alla base dell’albero, un grande baule contiene il serbatoio d’acqua da 300 L (centratura del peso). È inoltre possibile installarvi un generatore.

L’accesso all’acqua per un tuffo è sul lato a babordo tramite la scaletta in acciaio inossidabile. Da questa parte si trova anche il doccino del ponte.

Motori

I due motori Volvo D1-30 saildrive (30 HP in opzione) sviluppano una potenza sufficiente per tirare la barca fuori dai guai per diverse ore. I 20 HP standard sono un po’ troppo corti a mio parere. Il cantiere ha inoltre montato 3 cilindri Yanmar, anch’essi molto affidabili.

I motori possono essere facilmente accessibili partendo dalle piattaforme posteriori che facilitano la manutenzione e limitano il rumore nelle cabine posteriori.

A otto nodi nel motore, si consumano circa 12 L/H. A 2000 rpm, 6,5 nodi e solo 4 L/H.

Rilasciamo gli ormeggi!

Su questo tipo di catamarano, la ricercata esperienza di chi lo utilizza è incentrata sulla facilità d’uso. Il successo è notevole, tutte le manovre ritornano al posto di governo grazie agli winch ben posizionati.

I comandi motore sono perfettamente sottomano, la visibilità è eccellente. Il sartiame in piedi è composto da un albero in alluminio monofilo con una barra di spinta, dei tiranti e basso-tiranti da un supporto montato sulla trave incrociata.

La randa, dalla superficie di 47 m2, è totalmente listellata e dotata di due contenitori di riso, una lazy-bag e dei lazy-jack. La vela di trinchetto (30 m²) è montata su un avvolgitore.

La meteo del giorno è molto mite. Peccato perché il Lagoon 380è potente con le vele e bagna poco la superficie dello scafo, consentendogli di raggiungere velocità interessanti con le vele senza necessariamente esserci molto vento.

Con 7 nodi di brezza, superiamo i 5 nodi nelle andature larghe e raggiungiamo i 4 nell’attraversata. Le sensazioni al timone sono piuttosto medie, ma non siamo qui per guidare al millimetro questa enorme imbarcazione dalla derivazione notevole.

La barca compie un avvicinamento piuttosto buono riuscendo ad avvicinarsi facilmente a 50° dal vento. Questo grazie alle piccole chiglie che contengono la zavorra e che si trovano sotto i galleggianti. Queste proteggono i fondali da un eventuale operazioni e aumentano la rigidità sulla tela.

Al timone, siamo ben protetti e in contatto diretto con l’equipaggio, è piacevole e l’assenza di un flybridge è un vantaggio ai miei occhi, limitando la derivazione e la complessità dei sistemi.

Conclusione

Sebbene io sia e rimanga un amante del monoscafo, devo dire che i catamarani moderni, e questo Lagoon 380 ne fa parte, offrono parecchi vantaggi. Dello spazio, una navigazione piana a prescindere dalle condizioni meteo e, anche se non effettuano i cap bene come un monoscafo, la potenza dei motori può controbilanciare senza dubbio questo difetto.

È solo in condizioni di maltempo che i monoscafi conservano la totalità dei propri vantaggi perché se li si guida con la mano sull’intercettazione della randa, il rischio di rovesciamento resta molto inferiore rispetto a quello che si corre a bordo di un multiscafo. !

L’articolo di collaudo dell’imbarcazione è stato redatto da François Meyer.

Articles liés